Tensivamente

Eni, Crocetta: “Il Polo di Gela, baricentro degli sviluppi industriali in Sicilia” Featured

Rate this item
(0 votes)

Vertice ieri alla Regione, per il piano di riconversione della Raffineria. Nel corso dell'incontro, sono stati esaminati in dettaglio tutti i passaggi attuativi seguiti alla firma del Protocollo, per dare seguito ai progetti individuati nell’intesa. Sul fronte occupazionale, sino ad oggi, Eni ha avviato 13 cantieri che hanno  portato ad un incremento di circa 150 unità dell'indotto. L’Eni ha illustrato anche il crono programma per l'avvio, a partire da maggio e una volta ottenute le necessarie autorizzazioni, di ulteriori 18 cantieri previsti entro la fine del 2015 che offriranno occupazione a 270 lavoratori dell’indotto. Con l'avvio di questi 31 nuovi cantieri, la stima delle persone che saranno impiegate nell’indotto per il 2015 è in linea con quanto previsto nell'Accordo.

Per quanto concerne la trasformazione della Raffineria di Gela in Green Refinery ed il Progetto offshore di Argo - Cassiopea, sono in corso gli studi di ingegneria sulla base dei quali saranno emesse, già a partire dalla seconda metà del 2015, le gare per l'approvvigionamento dei materiali e della successiva fase di costruzione. Inoltre, Eni ha confermato di voler realizzare la seconda fase dell'ingegneria di dettaglio del Progetto Argo – Cassiopea presso Gela, andando così ad incrementare, ulteriormente nel corso di quest'anno, l'impiego delle risorse dell'indotto locale e contribuendo allo sviluppo di know how di alto contenuto tecnologico sul territorio, utilizzabile anche per futuri impegni di carattere nazionale e internazionale.

Eni, Regione e Comune confermano la disponibilità alla firma di un Accordo attuativo con Regione e Comune per la realizzazione, dell’intervento relativo all’allestimento di uno spazio idoneo ad ospitare, all’interno del Museo archeologico di Gela, la "famosa" nave greca preservata nella configurazione originale e recuperata nel mare antistante la raffineria. In riferimento alle iniziative di compensazione indicate nel protocollo ed in relazione  al porto di Gela, Eni nell'ambito di un intervento strutturato, ha confermato la disponibilità per contribuire alla realizzazione di un intervento di emergenza per il ripristino in tempi brevi della operabilità del porto. Tutti gli accordi saranno formalizzati presso la Prefettura d Caltanissetta nei prossimi giorni. Tutto questo testimonia l’impegno tangibile di tutte le parti in causa per trasformare il Polo di Gela nel baricentro degli sviluppi industriali in Sicilia, puntando a creare i presupposti per una ripresa duratura delle attività economiche della Regione, garantendo al territorio solide prospettive occupazionali unitamente alla valorizzazione di un processo di sostenibilità ambientale e con la massima attenzione al tema della sicurezza dei lavoratori.

 

In Evidenza

Facebook

CookiesAccept

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand
Tensivamente.it é una testata giornalistica registrata al Tribunale di Gela n.1/2013 | Direttore Responsabile - Stefania Pistritto | Editore - The Gela Times S.r.l.s. P.IVA | Tensivamente é un marchio registrato, tutti i diritti sono riservati. Redesigned by Cooco Studio

Login or Register

LOG IN

Register

User Registration
or Cancel
Full Reviw on best bokkmakers by ArtBetting.NET
Read more for Ladbrokes the UK bookmakerLadbrokes UK - full information
The best online bookmaker in the UK read more... William Hill