Tensivamente

Il sindaco Messinese protesta davanti l’ospedale: promesse non mantenute Featured

Rate this item
(0 votes)

Il sindaco Domenico Messinese, questa mattina, ha inscenato un sit in davanti l’ospedale di Gela, per protestare contro i vertici dell’Asp. Il primo cittadino, indossando la fascia tricolore, sostiene, che i vertici dell’azienda ospedaliera di Caltanissetta, hanno abbandonato Gela, non mantenendo quanto promesso. Reparti ridotti al lumicino, tagli finanziari, carenza di personale, disparità di trattamento con il capoluogo dell’ex provincia. Sono questi alcuni dei motivi che hanno spinto il sindaco di Gela a protestare. Domenico Messinese, con fascia tricolore a tracolla, ha ricevuto i cittadini in un gazebo per spiegare loro le forti azioni ingaggiate per salvare il nosocomio gelese. “Sui cinque milioni di euro persi dall’Azienda Sanitaria Provinciale per un errore dei suoi uffici – ha denunciato il sindaco Messinese -, valuteremo se ci sono gli estremi per informare la Corte dei Conti, mentre sulle disparità di servizi tra Gela e Caltanissetta chiederemo l’intervento dei commissari del Ministero della Salute, a cui sottoporremo la valutazione anche dell’ultimo atto aziendale”. Gela è tra le aree dichiarate dall'Organizzazione Mondiale della Sanità ad alto rischio ambientale eppure deficita nel servizio di oncologia e attende da tempo l’attivazione dell’Unità di Terapia Intensiva Neonatale. “Anziché tenere fede alle promesse di potenziamento e ripristino dei servizi dell’ospedale ‘Vittorio Emanuele’ – ha continuato Messinese -, l’Azienda Sanitaria Provinciale di Caltanissetta continua la sua costante ed inesorabile opera di smantellamento dei pezzi del nosocomio. Dopo aver invocato invano l’apertura dell’Utin, l’attivazione di un reparto di senologia all’avanguardia, dopo aver denunciato il drastico ridimensionamento del reparto di Malattie Infettive, adesso è il Centro Trasfusionale la nuova vittima sacrificale di una politica insensibile che dopo averci negato le risorse economiche adeguate, ora vuole colpirci nella dignità di esseri umani. Un danno così rovinoso che penso esclusivamente a Gino Strada come successore del manager dell’Asp Carmelo Iacono. Solo il fondatore dell’associazione umanitaria Emergency potrebbe sollevare il nostro presidio ospedaliero dalla condizione in cui è precipitato negli ultimi anni, come se Gela fosse stata una città teatro di guerra. E ai volontari di Emergency ci appelliamo affinché affianchino quei pochi medici e paramedici rimasti a Gela, animati solo da un profondo spirito di servizio. Oltre che all’utenza, proprio a chi lavora con turni laceranti e condizioni indegne al ‘Vittorio Emanuele’ va tutto il mio sincero sentimento di stima. Tendo una mano anche alle figure apicali che sui giornali si sono scandalizzati perché ho definito la sanità gelese alla stregua di quella subsahariana. Non sono io che devo starvi vicino, ma siete voi che dovete sostenere me e la popolazione in questa battaglia di civiltà, rifuggendo la difesa corporativa o un’inopportuna deferenza aziendale. Solo se staremo tutti dalla stessa parte potremo finalmente pretendere ed ottenere un ospedale al quale ogni gelese possa guardare come garante del proprio diritto alla salute”. La protesta del sindaco di Gela proseguirà fino a quando non gli saranno garantiti risultati concreti per l’ospedale “Vittorio Emanuele”.

In Evidenza

Facebook

CookiesAccept

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand
Tensivamente.it é una testata giornalistica registrata al Tribunale di Gela n.1/2013 | Direttore Responsabile - Stefania Pistritto | Editore - The Gela Times S.r.l.s. P.IVA | Tensivamente é un marchio registrato, tutti i diritti sono riservati. Redesigned by Cooco Studio

Login or Register

LOG IN

Register

User Registration
or Cancel
Full Reviw on best bokkmakers by ArtBetting.NET
Read more for Ladbrokes the UK bookmakerLadbrokes UK - full information
The best online bookmaker in the UK read more... William Hill