Tensivamente

Politica

Politica (700)

Di cosa sia capace di fare l'Assemblea regionale siciliana eletta 5 anni fa, non meraviglia più nessun siciliano. Per quanto concerne ad esempio la riforma delle ex province, non si può nemmeno dire che si è toccato il fondo, poiché in tal caso staremmo risalendo la china nell'isola. E’ quanto afferma in una nota il Comitato per lo sviluppo dell’area gelese, dopo il ritorno delle province, con l’elezione diretta del presidente e dei consiglieri. “Una riforma nata male – afferma il comitato - non poteva che continuare peggio, fino all'ultimo atto di una farsa durata un'intera legislatura. Con il ddl approvato ieri che prevede l’elezione diretta dei Presidenti e consiglieri dei Liberi Consorzi, siamo arrivati alla cifra tonda di 10 passaggi Legislativi. Perché tanta premura e tanto ardore nell’approvare quest’ultima riforma? La risposta è semplice: in questo modo si sono creati oltre 200 nuovi posti di lavoro. Con l'unica avvertenza di essere posti riservati. Alla politica ... naturalmente. Cosa succederà adesso, si potrà andare finalmente a votare per le rappresentanze dei Liberi Consorzi? Assolutamente no!”

Published in Politica
Written by
Read more... 0

Il consigliere comunale Luigi Di Dio, è stato eletto presidente della Commissione Sviluppo Economico, formata da Sandra Bennici, Anna Comandatore, Simone Morgana e Salvatore Scerra. Di Dio, in una nota, ringrazia tutti i componenti della commissione per la fiducia datagli sapendo che insieme a loro dovrà affrontare la grave crisi del nostro territorio e tutte le sfide che attendono il sistema produttivo gelese. “A loro chiedo – scrive - di starmi vicino con il sostegno, le proposte e i consigli che non vorranno farmi mancare per mettere in campo proposte e strategie in modo da rilanciare il tessuto economico del nostro territorio”. 

Published in Politica
Written by
Read more... 0

In attesa del restauro dell’ex dogana di Gela, il perimetro dello storico edificio sarà rivestito da un’installazione grafica in pvc, microforata ed ignifuga, stampata in quadricromia, la quale riprodurrà in alta definizione le sembianze che esso assumerà ad interventi ultimati. L’opera posta a copertura delle impalcature utilizzate per la messa in sicurezza è stata commissionata dall’Assessorato Comunale all’Ambiente e allo Sviluppo Economico, retto dal vice sindaco Simone Siciliano, alla filantropia delle imprese del territorio per acquisirne manifestazioni d’interesse e proposte di sponsorizzazione. “La nostra è un’operazione che, nell'ambito dei compiti istituzionali del Comune – ha spiegato l’assessore Siciliano -, intende promuovere l'avvicinamento concreto delle realtà imprenditoriali alla realtà culturale del territorio, attraverso una più ampia comunicazione delle attività e delle iniziative mirate a promuovere e a divulgare la conoscenza del patrimonio d'arte del nostro territorio e ad incrementare la partecipazione e il dialogo culturale con i cittadini”.

Published in Politica
Written by
Read more... 0
Mentre la politica regionale è impegnata da destra a sinistra a trovare la quadra per le prossime elezioni regionali, a Gela Forza Italia lavora da settimane per riorganizzare tutti gli organi del partito con un pensiero fisso: elezioni amministrative subito.
“E’ da miopi non vedere i danni che questa amministrazione provoca e provocherà alla città – dichiara Emanuele Maniscalco, coordinatore di FI Gela - una giunta senza programmi e progetti, una pseudo maggioranza “occulta” che non è in grado di approvare neanche un documento importante come il bilancio, al punto da prospettare alla città un commissariamento regionale a riguardo. Stiamo lavorando insieme agli altri partiti affinché, dopo la pausa estiva, la mozione di sfiducia possa approdare in aula; il nostro auspicio è quello di tornare al più presto alle urne”.  Continua Maniscalco: “sul versante interno, il partito sta vivendo un’intensa fase di rinnovamento. Abbiamo creato un’assemblea che si occupa della riorganizzazione del partito, composta da decine di donne e uomini disposti a lavorare e spendersi per il bene della città. Ufficializzeremo a settembre tutti gli organi del partito. Stiamo elaborando un piano di rilancio della città che affronterà diverse tematiche, il quale rappresenterà la spina dorsale del programma elettorale del prossimo candidato Sindaco di centrodestra. Tale piano sarà portato anche all’attenzione del candidato di centrodestra alla Presidenza della Regione”.
Riguardo alle prossime elezioni regionali, Maniscalco aggiunge: “spero che il centrodestra si presenti unito senza escludere nessuna forza politica, serve una coalizione liberale che sia in grado di ben governare per i prossimi anni; non possiamo pensare di regalare la Sicilia ai 5 stelle per colpa di personalismi. Il percorso non è semplice ma sono convinto che Miccichè, insieme a Berlusconi e tutti i dirigenti di partito, riusciranno a trovare la soluzione”.                           
Published in Politica
Written by
Read more... 0
Gela rischia di perdere un finanziamento da 32 milioni di euro. Si tratta del finanziamento concesso dal Cipe all’Agroverde per realizzare un impianto serricolo, nell’ambito del progetto Ciliegino. A lanciare l’allarme il sindaco Domenico Messinese e il vice sindaco Simone Siciliano. I due amministratori, nel corso di una conferenza hanno ribadito che il loro obiettivo è quello di tutelare i proprietari dei terreni esproprieti e pagare le parcelle ai professionisti che hanno lavorato dopo la posa della prima pietra. “Ci sono troppe ombre su questo progetto”, ha dichiarato il sindaco. “Stefano Italiano, presidente dell’Agrogverde dica chiaramente cosa vuol fare di questo progetto, fermo restando che ha già fatto sapere di non avere la capacità finanziaria per poterlo affrontare”. Il vice presidente del consorzio Spam, di San Cataldo, Piero Tinnirello, di cui l’Agroverde fa parte, ha detto che un’intera città è ostaggio di Agroverde. Al momento esiste un’autorizzazione in possesso di Agroverde che scadrà il 31 dicembre, autorizzazione concessa dalla Regione Siciliana. Il sindaco ha puntato il dito contro chi fa le inaugurazioni in pompa magna per fini elettorali e poi non tutela gli interessi di un’intera città.
Published in Politica
Written by
Read more... 0
“Oggi è stata ufficialmente aperta la stagione delle inaugurazioni elettorali. Alla conferenza dei sindaci a cui ho preso parte all'Assessorato Regionale alla Salute di Palermo, mi hanno informato che le figure professionali della Breast Unit ci sono da tempo e, se manca il taglio del nastro, il prossimo 4 settembre ci concederanno una cerimonia in grande stile. Noi a questa politica della pomata non ci stiamo”. Lo ha detto il sindaco di Gela Domenico Messinese dopo aver abbandonato in anticipo la conferenza dei sindaci del Nisseno che questa mattina si è tenuta a Palermo nella sede dell’Assessorato Regionale alla Salute. Oltre all’assessore Baldo Gucciardi, numerosi primi cittadini sono stati ascoltati anche dai deputati regionali Gianluca Miccichè e Giuseppe Arancio, componente della Commissione Servizi Sanitari all’Ars. Non sono mancati momenti di tensione. “Se quando sollevo delle contraddizioni alla direzione generale dell'Asp – ha raccontato il sindaco di Gela - il manager Carmelo Iacono mi esclama ‘Con lei ci vediamo in tribunale!’ allora i miei non sono solo timori per la sanità gelese. Trincerandosi dietro queste minacce, il direttore generale non fa uno sgarbo ad un sindaco, ma sferra un'ingiusta offesa a tutta quella comunità gelese già umiliata nei suoi diritti alla salute. Questa presa di posizione non intimidisce la mia forte azione a difesa del nostro ospedale, ma la rinvigorisce confermata nelle sue ragioni, nonostante la conferenza dei sindaci sia la sede ideale per cercare di dividere le singole identità istituzionali. Alla direzione strategica va comunque riconosciuto di aver confermato che, con l'attuale tetto di spesa, nessuna attività e nessuna assunzione saranno possibili per il 2018. L'assessorato ha preso impegni precisi in questo senso, ma è improbabile che dopo le elezioni regionali di novembre, l'assessore Gucciardi rimanga al suo posto come un soprammobile dopo le pulizie di fine legislatura. Inoltre non è tollerabile che su 200 assunzioni annunciate dall'Asp per il 2017, tre quarti di esse siano di unità amministrative. Così si condanna personale medico e paramedico all'abbandono in corsia. Insomma ci sono tutti i presupposti perché questa direzione strategica concluda la sua ingloriosa esperienza. Gela non si presterà ad inaugurazioni teatrali, tra l'altro già inscenate 10 anni fa per lo stesso servizio, fino a quando – ha concluso Messinese - non avremo garanzie concrete sui diritti che spettano per legge ad un'area, come la nostra, ad alto rischio ambientale”.
 
Published in Politica
Written by
Read more... 0

La Piana di Gela sia dichiarata Macro Area “C”. È la richiesta unanime dell’Amministrazione e del Consiglio Comunale al Ministero delle Politiche Agricole a cui è stata prospettata la ferma volontà di istituire un’area agricola svantaggiata eleggibile ad iniziative di agevolazione specifica per il comparto ed in particolar modo per i giovani che vogliano intraprendere nuove attività nella sfera agroalimentare nel territorio gelese. Al dicastero romano hanno incontrato il Sottosegretario Giuseppe Castiglione, il sindaco di Gela Domenico Messinese, l'assessore allo Sviluppo Economico Simone Siciliano, promotore dell’incontro, ed il consigliere comunale Vincenzo Giudice, in rappresentanza della Commissione Consiliare allo Sviluppo Economico composta, tra gli altri, da Angela Di Modica, Antonio Torrenti, Carmelo Orlando ed Anna Comandatore. Giudice, delegato dalla  Commissione ed in  rappresentanza della Presidenza  del Consiglio Comunale, ha relazionato i vertici del Ministero sulle problematiche del comparto agricolo, come l'annosa questione della carente dotazione idrica, con particolare attenzione all'atto, costruito con la partecipazione delle associazioni di categoria, dell'Ordine degli Agronomi, e della Riserva Naturale del Biviere, votato in Consiglio Comunale, sulla volontà espressa di voler ricollocare appropriatamente e motivatamente il territorio della Piana di Gela come Macro Area "C". L'assessore Siciliano ha anche avuto modo di illustrare, per grandi linee, il piano per mettere a sistema tre grandi realtà mai decollate e che oggi potrebbero rappresentare una soluzione praticabile per il rilancio economico del territorio. “L'idea – ha spiegato il vice sindaco - è quella di un contratto di Sviluppo per recuperare i progetti ‘Campi di Sicilia’, ‘Ciliegino’ e la Green Refinery in una circolarità che garantirebbe programmabilità dei risultati e circolarità delle risorse: dalla produzione per usi alimentari fino al riuso degli scarti di lavorazione come carica primaria per la produzione di biocaburanti”. “Tracciamo un bilancio positivo dell’incontro – hanno affermato al termine i partecipanti – per la volontà espressa dal Ministero di voler sponsorizzare l’iniziativa in un percorso strutturato di rilancio del comparto agroalimentare come alternativa sostenibile e complementare al settore industriale, nell'ottica di realizzare il primo caso pratico di applicazione dei concetti di economia circolare, partendo proprio dalla riclassificazione dell'area agricola, nel rispetto della tutela ambientale messa a rischio dallo spopolamento delle campagne. Su tutti – hanno auspicato infine -, giocherà un ruolo fondamentale la Regione Siciliana che potrà facilitare la volontà espressa dal Consiglio Comunale, oppure rappresentare l'ennesima zavorra che condizionerà il destino del nostro territorio."

Published in Politica
Written by
Read more... 0

“Il Comune di Gela non commetterà gli stessi errori del passato aderendo in modo inerte ad un nuovo carrozzone chiamato a gestire un diritto fondamentale come quello delle risorse idriche, dopo il fallimento dei commissari”. Lo ha detto il sindaco di Gela Domenico Messinese nel corso dell’assemblea dei primi cittadini del Nisseno, ultimo territorio chiamato al traghettamento dall’Ato Idrico all’Ati. “Su un tema così sensibile per la popolazione – ha continuato Messinese -, non subiremo passivamente l’ennesima legge calata dall’alto, che ha mostrato le sue debolezze in varie parti ritenute incostituzionali”. Il sindaco di Gela compone un gruppo ristretto di primi cittadini, assieme a Caltanissetta, Niscemi e Vallelunga, che in queste ore invierà alla Regione Siciliana un documento per chiedere legittimi approfondimenti sulla materia. Al vertice convocato a Caltanissetta intanto non si sono presentati né l’assessore regionale delle Energie Vania Contrafatto, né il Dirigente Generale. L’assenza è stata stigmatizzata contestualmente all’esigenza di coinvolgere i deputati regionali eletti nel Nisseno. Gli amministratori comunali attendono anche una relazione del commissario del Libero Consorzio dei Comuni di Caltanissetta Rosalba Panvini, presente all’incontro. È intervenuto anche il segretario generale dell’Anci Sicilia Mario Alvano. 

Published in Politica
Written by
Read more... 0

 Si fa sempre più improbabile l’ipotesi di un incontro richiesto dall’amministrazione comunale di Gela con la Electric Energy Group per approfondire l’ipotetica proposta progettuale della società che ha sede a Sassuolo, allo scopo di avere contezza soprattutto degli impegni finanziari occorrenti a chiudere tutte le controversie in essere con i proprietari dei terreni espropriati nell’ambito del “Progetto Ciliegino”. Dopo il primo diniego di sei mesi fa, il sindaco Domenico Messinese, lo scorso 31 luglio, ha reiterato la sua disponibilità ad un confronto, avanzando un ventaglio di date dal 3 al 10 agosto prossimi. Se la richiesta del primo cittadino è stata formalizzata tramite posta elettronica certificata, sugli stessi canali ufficiali finora non è arrivata alcuna risposta. L’assessore comunale allo Sviluppo Economico Simone Siciliano denuncia però un’inconsueta corrispondenza sul suo account Whatsapp in cui si avanzano ipotesi faziose sulla correttezza delle risposte pretese. “Probabilmente si cerca di spostare l’attenzione su tematiche inesistenti, bypassando il nodo centrale sulle garanzie reali e la solidità economica del progetto che ancora rimane un mistero – ha dichiarato Siciliano -. In questa sede, non mi impunto sulle mistificazioni nei miei confronti e sulle minacce di fantomatici scoop, proprio perché al centro dell’azione dell’amministrazione comunale vi è la legittima pretesa di approfondire i piani di investimento della Electric Energy Group, per non partorire un doppione degli errori del passato che diventerebbero soprattutto l’ennesima beffa sulla pelle di quei gelesi che attendono da troppo tempo un ristoro per i loro possedimenti espropriati. La società che finora ha giocato all’attacco dimostri di non aver seminato millanterie, accogliendo finalmente il nostro invito ad un sereno confronto. Se il problema è rappresentato da una pregiudizievole presa di posizione nei miei confronti, sono pronto a lasciare non solo l’assessorato ma anche la politica, se le garanzie finanziarie della Electric Energy Group chiuderanno positivamente questo capitolo della storia economica di Gela – ha concluso il vice sindaco -, a partire dall’indennizzo degli espropriati”. (Foto Archivio)

Published in Politica
Written by
Read more... 0
“Errare è umano ma perseverare è diabolico. Tra tagli ingiustificati e mancati introiti, è stato perpetrato un danno complessivo di 15 milioni di euro in servizi sanitari negati ai cittadini”. Lo ha detto il sindaco di Gela Domenico Messinese biasimando l’approvazione della pianta organica della rete ospedaliera, impostata sul tetto di spesa contestato, pari a 138 milioni di euro. “La menzogna è stata ratificata” ha aggiunto ancora il primo cittadino che ha chiesto le dimissioni del manager dell’Asp di Caltanissetta Carmelo Iacono, questa mattina nel corso della conferenza dei sindaci che si è tenuta nell’aula consiliare di Palazzo del Carmine. “Siamo stufi di vederci trattare come bambini da tenere mansueti raccontando le favole – ha dichiarato Messinese – quando nei fatti si continua a tradire clamorosamente il diritto alla salute di 22 Comuni, ripresentando per buono un tetto di spesa nato da un errore, per stessa ammissione della direzione dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Caltanissetta, e al quale l’assessore regionale Baldo Gucciardi si era impegnato a riparare. Volendo ancora credere alla buona fede delle personalità coinvolte, ogni positiva intenzione annunciata, nei fatti, è sacrificata dal budget approvato. Gli annunci di progetti migliorativi sfumano così concretamente all’evidenza di una pianta organica della rete ospedaliera che ricalca cifre insufficienti persino a garantire il presente”. Anche il neo sindaco di Niscemi Massimiliano Conti si è associato alla richiesta di concludere anzitempo l’esperienza della direzione strategica avanzata del primo cittadino di Gela, al culmine di una serie di preoccupazioni esternate dagli altri amministratori comunali che temono seriamente per la continuità dei servizi ospedalieri nei propri territori. Le responsabilità ricercate saranno al centro di una nuova conferenza dei sindaci che si terrà giovedì prossimo a Palermo nella sede dell’Assessorato Regionale alla Salute. Contro l’atto aziendale e la pianta organica è stata preannunciata un’impugnazione degli atti.
 
Published in Politica
Written by
Read more... 0

In Evidenza

Facebook

CookiesAccept

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand
Tensivamente.it é una testata giornalistica registrata al Tribunale di Gela n.1/2013 | Direttore Responsabile - Stefania Pistritto | Editore - The Gela Times S.r.l.s. P.IVA | Tensivamente é un marchio registrato, tutti i diritti sono riservati. Redesigned by Cooco Studio

Login or Register

LOG IN

Register

User Registration
or Cancel
Full Reviw on best bokkmakers by ArtBetting.NET
Read more for Ladbrokes the UK bookmakerLadbrokes UK - full information
The best online bookmaker in the UK read more... William Hill